La suonoterapia vibrazionale rappresenta un metodo naturale per il benessere della persona. Il suo approccio olistico risana corpo, mente e spirito. 
Il suono è vibrazione e in natura tutto vibra ed emette suoni: atomi, molecole, DNA, cellule, organi…

Il corpo umano è un insieme di vibrazioni ed onde: se i nostri organi sono sani, vibra alla giusta frequenza mentre, se sono disarmonici, vibra ad una frequenza disturbata.

Quando il corpo ritrova la propria frequenza di base armonica ritrova il benessere e la salute.

Il suono ha un grosso impatto sul nostro corpo, agisce su diverse parti del nostro cervello controllando così lo stress, i dolori, l’ansia e l’angoscia, armonizza il nostro sistema bioenergetico, favorisce il sonno, stimola la creatività e influenza in modo del tutto positivo la nostra sfera emotiva.
Lo scopo del suono è di mettere l’anima e il corpo in armonia con tutto ciò che esiste.

Vengono utilizzati diversi strumenti, a partire dalle “terapia con i diapason” e in special modo l’uso dei diapason CHAKRA SOUND intonati sulle frequenze dei sette chakra principali. I diapason hanno una caratteristica fondamentale che è quella di emettere suoni prolungati, precisi e puri, tali da essere facilmente assorbiti dall’orecchio umano: ciò diventa particolarmente rilevante nell’ambito terapeutico.
Gli specifici diapason sono stati studiati e realizzati in Kinesiologia e precisamente presso l’istituto CYBERKINETIS in Inghilterra, sotto la stretta direzione del Dr. Alan Sales.
 Questi diapason sono stati forgiati con la miglior lega armonica e il loro suono è puro, cristallino e di lunga durata.

Inoltre, si usano le Campane tibetane o ciotole che cantano (singing bowls), antichissimo strumento musicale che riproduce l’originario suono della Om ed entra in armonia con le vibrazioni delle sfere celesti.
 Queste ciotole sono forgiate in una lega di sette metalli: oro, argento, ferro, mercurio, stagno, rame, piombo, associati e beneficati dall’influenza dei sette pianeti del nostro sistema solare.
 Le ciotole, durante il trattamento, vengono avvicinate o appoggiate su diverse parti del corpo della persona.

Quando si percuote una campana tibetana si creano delle forti vibrazioni che si propagano nel punto in cui vengono appoggiate, massaggiandolo in profondità. Si viene così a creare una perfetta risonanza (onde armoniche) che dona una profonda quiete sia esteriore che interiore che va al di là del semplice rilassamento, raggiungendo le onde teta e delta degli stati meditativi più profondi.
Inoltre esistono altre discipline, altre tecniche e altri strumenti che utilizzano appunto il Suono come mezzo di guarigione, tra cui l’Arpa (arpa terapia), i Gong, il Canto, il Pianoforte, il Didjeriddo Australiano, senza contare i Kirtan e i Bajan Indiani, l’uso dei Mantra ecc ecc
E’ possibile sperimentare sia sessioni individuali che sessioni di gruppo, chiamate anche concerti/meditazione.